© 2018 by res[eco]architecturae

rēs[eco]architecturae

FR : +33 6 43 70 27 08

IT : + 39 339 80 42 027 

info@resecoarchitecturae.com

contattaci:

PARIGI

ROMA

ovunque vogliate!

  • LinkedIn - cerchio grigio
  • Pinterest - cerchio grigio
  • Instagram - Grigio Cerchio
  • Facebook - cerchio grigio

Roma, Italia

#COMMON FRAME

Concorso Hortocontext Lanificio Factory

30  /  09   /   2012

Orti urbani

Riconversione della terrazza del Lanificio Factory

Rigenerazione urbana

Un grazie speciale a 

Vivien Corre, paesaggista

Tommaso Sacconi, fotografo e architetto

Vanessa Venturi, architetto 

senza dimenticare:

Oliver Bucks, consulente sostenibilità ambientale

Juan Ignacio De Benedetto, chef 

Michela Guglielmi, architetto

Arianna Robertiello, architetto

Uno spazio di produzione e di condivisione, in linea con la filosofia del Lanificio Factory: ieri fabbrica di lana, oggi fabbrica  d'idee.

 

L'orto diviene un luogo di'aggregazione sociale e di scoperta grazie alla terra, il nostro bene comune da proteggere e preservare, impegnando studenti e i nostri pollici verdi grazie alla pratica del workshop. 

L'immagine di partenza è la materia della lana con i suoi intrecci e le sue trame che il pallet incarna diventando la trama in permanente evoluzione. 

Si tratta di un patchwork lavorato come una maglia di pieni e di vuoti, dove i percorsi, le sedute, gli orti e i piani di lavoro dialogano in un disordine apparente che simultaneamente genera lo spazio di lavoro attraverso connessioni funzionali.

Icona profanata del reciclaggio, il pallet è stato scelto per la sua natura flessibile e per la sua disponibilità nei pressi di via di Pietralata.

La materia a costo zero permette d'indirizzare e di concentrare il budget del progetto verso strategie di sviluppo sostenibile, grazie alle quali Lanificio e il suo orto diventano energeticamente autonomi.

 

Il sole, il vento e l'acqua sono le risorse alternative che generano energia pulita attraverso i pannelli fotovoltaici, l'eolico ad asse verticale, il recupero delle acque piovane reimpiegate per l'irrigazione degli orti e la pompa idraulica che sfrutta la portata dell'Aniene, l'affluente del Tevere che bordeggia il Lanificio.